Skip to content

A Giugno è scattato l’obbligo del libretto unico per tutti gli impianti termici. Ecco i dettagli

giugno 18, 2014

la caldaia di casa ha un cuore italiano RITCon il D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74, attuato con il D.M. 10/2/2014 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7/3/2014, cambia la documentazione da usare per certificare l’efficienza energetica degli impianti termici.

A decorrere dall’1 giugno 2014, infatti, gli impianti termici devono essere dotati di un unico libretto composto da schede modulabili a seconda delle caratteristiche dell’impianto. Non necessitano di libretto gli scaldabagni per la produzione dell’acqua calda sanitaria destinata alla singola abitazione.

Il libretto è inoltre obbligatorio anche per gli apparecchi destinati alla climatizzazione estiva quando ricompresi nei limiti di potenza indicati.

Il libretto, compilato per la prima volta dal soggetto installatore all’atto della messa in funzione, viene  aggiornato dal responsabile dell’impianto e dal manutentore. Con l’entrata in vigore della nuova legislazione, nel caso di un impianto già esistente, il responsabile (che nei piccoli impianti è l’utente stesso mentre in condominio può essere l’amministratore o la ditta abilitata da questi delegata) dovrà provvedere al reperimento del nuovo libretto.

Dal 1° giugno 2014, diventa inoltre obbligatoria la redazione dei rapporti di controllo dell’efficienza energetica nel caso di interventi di controllo ed eventuale manutenzione di  impianti termici di climatizzazione invernale con potenza utile nominale maggiore di 10 kW e di climatizzazione estiva di potenza utile nominale maggiore di 12 kW, con o senza produzione di acqua calda sanitaria secondo i nuovi modelli di rapporto di efficienza energetica. Quattro sono le tipologie di rapporto di efficienza energetica studiate per classificare e controllare le prestazioni degli apparecchi: oltre alle tradizionali caldaie vi sono i sistemi di condizionamento, teleriscaldamento e cogenerazione indipendentemente dalla loro potenza termica, sia esistenti che di nuova installazione

Il rapporto di efficienza viene redatto manutentore che dovrà poi trasmetterlo, nelle modalità e nei tempi previsti, all’ente locale che tiene aggiornato il catasto.  Qualora il risultato dei controlli di efficienza non dovesse essere superiore al minimo previsto dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74, il generatore dovrà essere sostituito.

Per quanto attiene le sanzioni per i trasgressori, ai sensi del Dlgs 192/2005 e delle eventuali disposizioni delle Regioni, si parte dai 500 fino ad arrivare ai 3.000 euro a carico di proprietario, conduttore, amministratore di condominio o terzo responsabile, mentre, per gli operatori incaricati che non provvedano a redigere e sottoscrivere il rapporto di controllo tecnico, si va dai 1.000 ai 6.000 euro.

Se è arrivato il momento di cambiare la caldaia, contattate Italtherm per scegliere la miglior soluzione adatta alle vostre esigenze. Penseremo noi a darvi tutte le informazioni anche sul nuovo libretto.

Contatta Italtherm per saperne di più.

AGGIORNAMENTO del 24 giugno 2014:

Il termine è stato prorogato al 15 ottobre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: