Vai al contenuto

I sistemi di controllo del riscaldamento evoluti e il riconoscimento dell’ecobonus 2018 – Intervista all’Ing. Fontana di Italtherm

febbraio 26, 2018

Per il 2018 le detrazioni fiscali al 65% per l’acquisto delle caldaie saranno riconosciute solo se corredate di contemporanea installazione di sistemi di controllo evoluti. Abbiamo chiesto all’Ing. Fontana di Italtherm di spiegarci meglio di che cosa si tratta e come funziona l’ecobonus 2018.

Cosa sono i sistemi di controllo del riscaldamento evoluti?

Sono sistemi che, una volta installati dentro l’abitazione, contribuiscono a far sì che il controllo della temperatura sia ottimale, che impediscono quindi sia di raffreddare che di surriscaldare l’appartamento, mantenendo una temperatura di comfort negli spazi dell’abitazione.

Un generico sistema di controllo (al di là che sia evoluto o meno), lo conosciamo comunemente con il nome di termostato ambiente o cronotermostato: è possibile impostare il termostato per fasce orarie, in modo da scegliere la temperatura dell’ambiente differenziandola nel tempo. Normalmente la scelta della temperatura dipende della presenza in casa nelle fasce orarie, oppure per altre esigenze: ad esempio la notte ci si può accontentare di temperature più basse. Questo consente un notevole risparmio energetico.

Oggi la Comunità Europea ha diviso questi dispositivi di controllo della temperatura in 8 classi, correlate con la complessità e la capacità di gestire la temperatura in modo efficiente.

La classe I è la classe meno performante, di cui fa parte il semplice termostato ambiente on/off. È un sistema che noi in Italia non utilizziamo più nei nuovi impianti. La classe VIII, per contro, è la più performante e anche questa, per ora, è scarsamente utilizzata.

Cosa prevede la nuova legge riguardo al riconoscimento dell’ecobonus per il 2018?

Oggi la legislazione dice che è possibile ottenere una detrazione fiscale del 65% solo se in abbinamento a una caldaia in condensazione in classe A è presente un sistema di controllo in classe V, VI oppure VIII. Queste sono classi evolute non solo eseguono un monitoraggio della temperatura dell’ambiente, ma hanno anche la possibilità di colloquiare con la caldaia e gestire le temperature del fluido circolante nell’impianto. Sostanzialmente un sistema di controllo in classe V può imporre alla caldaia di alzare o abbassare la temperatura dell’acqua che circola nell’impianto per adeguarsi alle necessità dell’ambiente. I sistemi in classe VI sono di base identici alla classe V, ma sono anche corredati di una sonda esterna, che indica alla caldaia anche la temperatura esterna, per cui, quando fa molto freddo e c’è una dispersione maggiore di calore attraverso le pareti dell’immobile, si riesce ad anticipare la richiesta di calore più alta.

La classe VIII ha un sistema di monitoraggio più esteso, quindi misura la temperatura sia nell’ambiente dove è posto il sistema di controllo, che negli ambienti circostanti: questo per migliorare ulteriormente la previsione rispetto al fabbisogno di riscaldamento.

Cosa occorre verificare al momento dell’acquisto?

Quando si acquista il dispositivo si dovrà chiedere al venditore una documentazione tecnica in cui venga dichiarata la classe di appartenenza. Questo è un dato che viene fornito di solito nel libretto di istruzione, ma potrebbe essere contenuto anche in un foglio allegato alla documentazione. È in ogni caso un’informazione che i costruttori di sistemi di controllo devono fornire a prescindere dall’incentivo fiscale. In base al regolamento ErP, infatti, qualora si realizzino degli insiemi, cioè un impianto dotato di un apparecchio per il riscaldamento più altri componenti di impianto, anche il sistema di controllo di temperatura contribuisce, mediante un proprio apporto, alla bontà dell’insieme che si sta proponendo. Questo apporto, che rappresenta una percentuale di incremento dell’efficienza, è valutato sulla base della classe. Ovviamente a classi elevate corrispondono incrementi più consistenti. Gli addetti ai lavori utilizzano questo dato di classe del sistema di controllo già da oltre due anni.

Italtherm City Class coniuga design e tecnologia, con una incredibile semplicità di installazione, e può essere fornita con un sistema di controllo evoluto che consente l’accesso alle detrazioni del 65%. Scoprila a questo link!

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: