Skip to content

Climatizzatori: i consigli per usarli bene tagliando le bollette

agosto 1, 2018

Quella del 2018 sarà certamente ricordata come un’estate rovente: giorno dopo giorno la cartina del Belpaese si riempie di “bollini rossi” e nei bollettini meteo si susseguono nuovi “record” delle temperature.

In questa situazione, il nostro istinto di sopravvivenza ci spinge a rinchiuderci in casa e aprire i climatizzatori a tutta potenza. Purtroppo, questa abitudine, oltre ad essere dispendiosa per i nostri portafogli, crea non pochi pericoli per l’ambiente. Eppure basterebbe veramente poco ad assicurarci una frescura a basso costo e basso impatto ambientale.

Ad incentivarci inoltre potrebbero essere utili i dati del risparmio ambientale di un corretto uso dei climetizzatori. Anche quest’anno sul Global Opportunity Report 2018 sono stati pubblicati i risultati delle indagini condotte da DNV GL – Business Assurance, dal Global Compact delle Nazioni Unite e da Sustainia: un corretto utilizzo e gestione degli impianti di condizionamento assicurerebbe un risparmio di 89,7 giga-tonnellate di CO2 nonché un contenimento di 1° C dell’aumento di riscaldamento globale entro il 2100.

L’AICARR – Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento, Refrigerazione – ha stilato un vademecum per utilizzare al meglio i condizionatori assicurando, al contempo, frescura e una riduzione dei consumi.

Innanzitutto è essenziale manutenere correttamente, tramite professionisti qualificati e certificati, le macchine per evitare malfunzionamenti provvedendo inoltre alla periodica sostituzione dei filtri.

Se il vostro impianto è ormai datato forse è opportuno provvedere a sostituirlo con un modello nuovo di climatizzatore: in questo caso diffidate dalle offerte “estreme”, poiché – mette in guardia AICARR – potrebbero trattarsi di vecchi impianti a bassa efficienza o che usano fluidi ormai fuori legge.

Scegliete una macchina che sia calibrata alle vostre reali necessità e che sia di classe A o superiore. Sono preferibili gli impianti fissi (tipo split o multi split) a quelli invece portatili che, infatti, sono meno efficienti.

Una volta installato e ben manutenuto è arrivato il momento di accendere il vostro impianto: è buona abitudine non scendere, all’interno delle abitazioni e delle strutture recettizie, ad una temperatura inferiore a 26 °C (se il condizionatore è installato in un negozio non scendete sotto i 27°).

Ovviamente, non aprire le finestre e le porte esterne quando i motori sono in funzione (negli hotel è buona norma mettere un sensore che spegne l’impianto in caso di finestre e porte aperte).

Anche l’arredo è importante. Non mettete barriere (mobili, elementi di arredo come tende) davanti agli split, di giorno abbassate le tapparelle (e le tende da sole in balcone) e di notte attivate la funzione “sleep” o “notturna”.

Inoltre ricordatevi che se in una stanza non c’è nessuno, potete anche spegnere!

Se volete saperne di più sui climatizzatori più adatti alle vostre esigenze, contattate Italtherm!

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: